Archive for the ‘Piatto Unico’ Category

ottobre 12th, 2018

Cavolfiore al forno su letto di riso nero

un piatto di successo sempre richiesto, che può essere servito sia come antipasto che come secondo.Cavolfiore al forno su letto di riso Venere nero

ingredienti:

  • un cavolfiore
  • olio extravergine di oliva
  • tamari
  • sale
  • pepe
  • riso venere nero

procedimento:

ho cotto il riso venere semplicemente bollendolo in acqua salata, scolato  e sistemato in una pirofila a creare un bello sfondo scuro per far da contrasto al cavolfiore.

ho pulito il cavolfiore dalle foglie e l’ho tagliato a “ciuffetti”, di dimensioni medie. ho creato poi un’emulsione con 50% olio extravergine di oliva e 50% tamari: volendo si possono marinare i ciuffetti di cavolfiore per una mezz’ora, ma non è necessario. basta passarli bene nell’emulsione, e posizionarli poi in una teglia protetta da carta forno. li inforno a 180° per 20 minuti. a quel punto, li sistemo sulla pirofila con il riso venere e rimetto tutto in forno per 5-10 minuti per servire caldo.

 

novembre 21st, 2017

Sformato di Fagioli Cannellini

l’idea nasce perché avevo proprio voglia di mangiare fagioli ma nessuna voglia di lunghe preparazioni o delle solite cose. è uscito uno sformatino gustoso ed incidentalmente anche Sformato di Fagioli Cannellinigluten-free!

ingredienti

  • 120 g fagioli cannellini, scolati
  • 2 patate medie
  • olio extravergine di oliva
  • farina di lenticchie, 4 cucchiai
  • scalogno, 1
  • noce moscata, qb
  • pepe, qb
  • sale, qb
  • maggiorana, qb

procedimento

prima di tutto ho sbucciato e cotto le patate al vapore. una volta pronte le ho messe nel mixer con i cannellini e lo scalogno. ho frullato il tutto aggiungendo man mano la farina di lenticchie, l’olio e tutto il resto, lasciando indietro la maggiorana.

ho steso il composto in una pirofila ricoperta di carta forno, ho spolverato di maggiorana, aggiunto un filo d’olio ancora a crudo, e messo in forno 180° per 40 minuti.

l’ho considerato un piatto unico, ma credo sia abbastanza versatile: può anche essere un ottimo stuzzichino da aperitivo se servito già tagliato in quadratini. mangiato metà appena uscito dal forno, ancora caldo, era buono… ma il giorno dopo, freddo, mi è piaciuto ancora di più!

luglio 15th, 2016

Chili con …Vegan!

un chili vegano con quel qualcosa in più.Vegan Chili

ingredienti:

  • cipolle rosse, 1 (grossa)
  • peperone rosso, 1
  • carote, 2
  • fagioli preferibilmente borlotti o neri, 150 g
  • passata di pomodoro, qb
  • curry, 1 cucchiaio
  • semi di cumino, 1 cucchiaino
  • tamari
  • brodo vegetale
  • aglio, 2 spicchi
  • straccetti di soia, 100 g
  • peperoncini (io ho usato jalapeño), 2

procedimento:

ho messo a bagno i fagioli 24 ore prima di iniziare con la preparazione.

il giorno successivo, ho scolato i fagioli e li ho bolliti in pentola. ho reidratato gli straccetti di soia facendoli bollire per qualche minuto in brodo vegetale, ho scolato e li ho strizzati, poi messi da parte; quindi ho iniziato la vera e propria preparazione con il solito soffritto a base di cipolle, con carote, peperoncino ed aglio tagliati a tocchetti. dopo un paio di minuti di rosolatura ho aggiunto il peperone, anch’esso tagliato a tocchetti, e la salsa di pomodoro a coprire il tutto, con un po’ di acqua per diluire; quindi le spezie (curry e cumino) ed il tamari. ho portato quasi a cottura. ho quindi spostato le verdure con il pomodoro in una pirofila da forno aggiungendo i fagioli cotti in precedenza, e gli straccetti di soia. ho mescolato bene il tutto e ho messo in forno a 180° per 20-30 minuti, servito con crostini e via!

gennaio 13th, 2016

Cavolfiore al Forno su letto di Riso Venere

cavolfiore al forno, sì ok… banale! ma questo ha un twist particolare che lo rende veramente gustoso. Cavolfiore al Forno

ingredienti:

  • 1 cavolfiore, media grandezza
  • tamari, qb
  • olio extravergine di oliva, qb
  • riso venere, 200 grammi

procedimento:

prima di tutto metto a bollire il riso venere, visto che occorre un po’ di tempo per farlo cucinare. nel frattempo pulisco il cavolfiore e lo taglio a tocchetti: chiaramente, più piccoli sono meno tempo occorrerà per cuocerli. generalmente cerco di mantenere una dimensione simile a quella della superficie di un cucchiaio.

sistemo la carta da forno su una teglia, ed in una ciotolina preparo un’emulsione al 50% di EVO e 50% tamari. ogni pezzetto di cavolfiore va passato bene nell’emulsione, e sistemato sulla carta da forno. una volta terminato questo lavoro untuoso, inforno il tutto a 180° per circa 20 minuti.

nel frattempo scolo il riso venere quando la cottura è terminata e lo sistemo in una terrina. una volta cotto il cavolfiore, sistemo i tocchetti sopra il riso venere, per un effetto monocromatico di impatto, e pure di gusto. buon appetito!

agosto 27th, 2015

Wok di Riso del Cavolo!

un bel piatto di riso cucinato nel wok è sempre appetitoso ma …abbastanza calorico da scoraggiarvi? ma quando mai! ecco la classica botte piena con la moglie ubriacRiso di Cavolfiorea. pronti ad un piatto iperproteico, sano e leggero? c’è un segreto, ovviamente, ma… prometto che non ne perderà il gusto!

ingredienti per 3 persone:

  • 1 cavolfiore
  • 2 carote
  • 2 zucchine
  • olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi d’aglio
  • cumino
  • salsa di soia

procedimento:

ho pulito il cavolfiore e l’ho tagliato a tocchetti. ho lasciato poi il compito più arduo al robot da cucina: tritare il cavolfiore fino ad ottenere una granella simile al… riso! ecco svelato il trucco… bene, ho soffritto aglio e cipolla nel wok con un po’ di extravergine ed un cucchiaino di cumino. ho aggiunto zucchine, carote e salsa di soia. raggiunto un punto di cottura in cui le verdure fossero ancora piuttosto croccanti ho poi aggiunto il trito di cavolfiore, e l’ho giusto scottato, continuando a cuocere il tutto ma mescolando continuamente per circa 2 minuti. non di più: il cavolfiore deve sì essere cotto ma non avere una consistenza papposa, per simulare quanto più possibile il riso. a quel punto ho impiattato e guarnito con un po’ di extravergine a crudo, servito caldo: è stata una sorpresa… ma molto bene accetta!

agosto 26th, 2015

Peperoni Ripieni alla Quinoa

Peperoni Ripienia me piacciono tanto i peperoni, ma non so mai come farli… ho quindi pensato ad un piatto per me inedito, ovvero il peperone ripieno! versione super-proteica ed incredibilmente davvero leggera.

ingredienti per 4 persone (2 peperoni a testa):

  • 4 peperoni gialli e rossi piuttosto grossi
  • quinoa, 1 tazza
  • zucchine, 3
  • funghi champignon, puliti, 100 g
  • cumino
  • coriandolo
  • aglio, 2 spicchi
  • cipolla rossa, 1
  • fagioli cannellini, scolati, 100 g
  • brodo vegetale, qb
  • salsa di soia, qb
  • olio extravergine di oliva
  • pepe nero

procedimento:

prima di tutto ho preparato il ripieno, pulendo e tagliando a dadini sia le zucchine che i funghi. ho preparato un trito con la cipolla rossa e gli spicchi d’aglio. ho cotto e scolato i cannellini.

a quel punto, ho portato il brodo ad ebollizione ed ho fatto cuocere la quinoa. nel frattempo, ho pulito i peperoni e li ho tagliati a metà. ho sistemato le metà su una teglia ricoperta da carta da forno, con la parte tagliata appoggiata sulla teglia. ho fatto cuocere per 10 minuti a 150°.

in una pentola più capiente ho fatto soffriggere nell’olio il trito di cipolla ed aglio. ho aggiunto il coriandolo ed il cumino, la salsa di soia ed infine zucchine e funghi. a cottura quasi ultimata ho spento il fuoco, completato il ripieno aggiungendo la quinoa (ormai cotta e scolata) ed i cannellini, mescolando il tutto.

a ridosso della cena, ho riempito i mezzi peperoni con il ripieno, imbottendoli un bel po’! poi ho infornato di nuovo il tutto, per circa un quarto d’ora, a 80°.

serviti caldi con una guarnitura di pepe nero, sono stati un successone!

gennaio 7th, 2015

Che Pizza!

da tanto tempo ci pensavo ed ho colto l’occasione del 1 gennaio. voglia di pizza e pizzerie tendenzialmente chiuse, giorno di relax… ok, proviamoci! ho fatto la pizza! ma la Pizzacosa sensazionale è che …è venuta bene!

ingredienti:

  • farina integrale, 200 g
  • lievito di birra, 1/2 panetto
  • sale
  • olio extravergine di oliva

procedimento:

ho sciolto il mezzo panetto di lievito di birra in un bicchiere di acqua tiepida e sistemato la farina con il sale a fontanella in un recipiente. ho versato prima un filo d’olio extravergine, poi ho aggiunto il bicchiere d’acqua con lievito e mescolato il tutto. ho aggiunto un altro po’ di acqua alla bisogna, fino ad ottenere un impasto piuttosto elastico. ho lasciato lievitare per due ore,  poi ho steso l’impasto: non avendo un mattarello l’ho dovuto fare a mano, ma non sono una pizzaiola provetta… ad ogni buon conto, ho condito spalmando poi la salsa di pomodoro ed agPizzagiungendo condimento a piacere (io avevo solo dei broccoli in casa, quindi li ho passati velocemente in padella con un po’ di scalogno e messi sopra la pizza). ho infornato a 200° per 25 minuti.
la mia pizza è venuta decisamente spessa: non a tutti piace. sicuramente dipende dalla poca dimestichezza con la stesura dell’impasto e con la carenza di mattarello: la prossima volta la farò un pochino più sottile, ma non troppo, perché a me piace la pizza …pizzosa! l’impasto però era cotto perfettamente, e croccante, non panoso. quindi direi che è stato un discreto successo nonostante fosse il primissimo timido e quasi avventato tentativo!

novembre 24th, 2014

vegBurger Quinoa e Funghi

i vegBurger hanno un potenziale di declinazione infinito, si preparano velocemente e sono perfetti per il bulk cooking settimanale. sono ottimi anche come ricetta svuotafrigovegBurger Quinoa e Funghi d’emergenza. in pratica, l’altro giorno avevo una confezione di funghi freschi da utilizzare velocemente ma nessuna voglia di mangiare funghi: ho trovato subito la soluzione.

ingredienti:

  • funghi champignon, puliti. 300 g
  • cipolla rossa, 1
  • quinoa, 120 g
  • sale qb
  • pepe qb
  • spezie a piacere
  • olio extravergine d’oliva
  • fiocchi d’avena bio al naturale, 100 g

procedimento:

prima di tutto ho affettato gli champignon puliti a fettine sottili, poi ho preparato un soffritto con olio extravergine e cipolla rossa. ho fatto indorare la cipolla, poi ho aggiunto le spezie (nel mio caso: un cucchiaino di semi di coriandolo, uno di semi di cumino, maggiorana e un bel po’ di curry). ho mescolato ed aggiunto un po’ di acqua, poi ho messo la quinoa in cottura mescolando e rabboccando l’acqua regolarmente. a metà cottura ho unito i funghi al tutto, e lasciato cuocere a fiamma bassa per il tempo necessario; poi ho trasferito tutto nel robot da cucina ed ho mixato, unendo pian piano i fiocchi di avena al naturale, il sale ed il pepe, fino a che il composto non ha raggiunto la consistenza sufficiente a formare gli hamburger (5 minuti circa).

a quel punto ho lasciato raffreddare, poi ho formato le classiche “polpette”, le ho schiacciate ad hamburger e riposte in freezer per consumo nei prossimi giorni.

giugno 17th, 2014

vegBurger di Legumi

voglia di hamburger? nessun problema, siamo qui apposta per preparare il …vegBurger! si può gustare con un contorno tradizionale o nel classico burger bun con vegBurger di Legumiguarnizione di insalata, pomodori e salsine a piacere… e magari con un po’ di patatine fritte! io ieri sera l’ho servito con un po’ di puré vegan di patate.

ingredienti:

  • semi di zucca al naturale, sbucciati, 4 cucchiai
  • fiocchi o cruschello d’avena, 8 cucchiai
  • olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio
  • legumi a piacere, 500 g
  • carote, 2
  • cipolla, 1/2
  • patata, 1
  • spezie a piacere
  • sale e pepe qb

vegBurger di Legumiprocedimento:

partendo dai legumi secchi, li ho messi a bagno per circa 20 ore, poi scolati e lessati. nel frattempo, ho lessato le carote e la patata. ho scolato tutto e messo da parte.

nel mixer ho frullato i semi di zucca con i fiocchi d’avena (o il cruschello, a piacimento). ho poi aggiunto le carote, la patata, mezza cipolla, un po’ di olio extravergine di oliva, le spezie (in caso), sale e pepe; infine metà dei legumi che avevo precedentemente lessato. una volta ottenuta una consistenza uniforme ho trasferito tutto in una ciotola capiente, aggiunto i restanti legumi ed impastato il tutto con le mani, lavorando il composto in modo da formare circa 6 hamburger di medie dimensioni, da sistemare su una teglia ricoperta di carta forno.
in caso l’impasto risulti troppo molle e quindi di difficile lavorazione, si può ovviare al problema aggiungendo un altro po’ di cruschello, un po’ di maizena, farina integrale o pangrattato, a seconda della disponibilità.

a questo punto gli hamburger possono venire cotti in padella, con un filo di olio, oppure al forno, o avvolti in cellophane e congelati per essere consumati in un secondo momento.

 

luglio 24th, 2013

Zucchini Noodles con Germogli di Bambù e Verdure

ultimamente ho sviluppato una vera dipendenza per i germogli di bambù e questa è una delle ricette più soddisfacenti che ho realizzato, a mio parere. Zucchini Noodles con Germogli di Bambù e Verdure

ingredienti:

  • zucchine
  • carote
  • cipolla
  • sedano
  • zenzero fresco
  • germogli di bambù
  • tamari
  • brodo vegetale
  • alga nori
  • semi di sesamo
  • menta
  • spezie a piacere
  • olio extravergine di oliva

ho soffritto la cipolla e lo zenzero fresco in un po’ di olio e preparato il classico soffrittino con sedano. ho poi aggiunto le carote tagliate alla julienne, scottate appena aggiungendo brodo vegetale, in modo da mantenerle leggermente croccanti. ho tagliato le zucchine in verticale, a strisce spesse un paio di millimetri (io lo faccio con un pelapatate, anche se l’ideale sarebbe il mandolino). ho sbollentato le zucchine per 2-3 minuti in acqua bollente con sale, scolato ed aggiunto le strisce di zucchine ed i germogli di bambù al soffritto di prima. ho ripassato il tutto velocemente in padella, con un po’ di tamari per insaporire, ed eventuali spezie a piacere. a questo punto aggiungo un po’ di menta per rinfrescare il tutto, e una spruzzata di semi di sesamo.

per una variante più consistente, si può aggiungere un po’ di tofu a fette fatto marinare per una mezz’ora in una mistura di tamari ed evo, poi passato alla piastra.