maggio 7th, 2018

Tagliatelle alla crema di Asparagi

Tagliatelle alla Crema di Asparagiingredienti:

  • asparagi, 500 g
  • tagliatelle semintegrali di grano duro, 250 g
  • scalogno, 2
  • evo, qb
  • sale e pepe, qb
  • lievito in scaglie alimentare

procedimento:

ho tagliato gli asparagi a rondelle e li ho cotti a vapore per 10 minuti (in alternativa, farli bollire in acqua per lo stesso tempo va benissimo). li ho poi scolati ed ho eliminato le punte, messe da parte come decorazione. ho tritato e soffritto gli scalogni in olio di oliva, quindi aggiunto gli asparagi per terminare la cottura, aggiungendo sale e pepe.

ho salato l’acqua per cuocere le tagliatelle, mentre il mixer si è occupato di produrre una crema dagli asparagi cotti a cui mi sono limitata ad aggiungere un po’ di olio a crudo ed un cucchiaio di lievito in scaglie alimentare.

cotte le tagliatelle al dente, le ho saltate in padella con la crema di asparagi ed un po’ di acqua di cottura della pasta. questo fa sì che la crema non sia troppo rappresa, ma si leghi bene con la pasta (in caso d’emergenza è possibile ovviare all’inconveniente con un po’ di latte o panna vegetali). ho terminato il piatto con un pizzico di pepe, un’ulteriore spolverata di lievito in scaglie e l’aggiunta delle punte di asparagi come tocco finale!

gennaio 12th, 2018

Salsiccia Felice senza glutine

Avevo già avuto occasione di creare una salsiccia felice, ma che noia questo seitan… inoltre come fare se qualcuno Salsiccia Felicea tavola ha un’intolleranza al glutine? Per cui ho deciso di creare un altro tipo di salsiccia. Diversa, ma comunque felice!

ingredienti:

  • 1 patata
  • 1 zucchina
  • 1 cipolla rossa
  • 1 porro
  • 1 peperone rosso
  • 1 melanzana
  • 2 carote
  • 1 batata
  • 1 rapa rossa
  • fagioli rossi o borlotti
  • farina di lenticchie
  • vino rosso
  • riso integrale, 40 g
  • brodo vegetale
  • paprika
  • pepe nero
  • tamari
  • curry

prima di tutto ho pulito tutte le verdure ed i funghi champignon ed ho messo tutto nella vaporiera a cuocere per 30 minuti. contemporaneamente ho fatto bollire il riso integrale in brodo vegetale.

le verdure, una volta cotte, saranno sufficienti a sfamare un piccolo stato indipendente per circa una settimana, quindi ne ho utilizzate solo la metà per preparare le salsicce: il resto si può servire come contorno o come base per altre ricette.

ho quindi frullato bene le verdure ed i fagioli lessati con il robot da cucina. fatto questo, ho sostituito la lama con il mescolatore ed ho iniziato ad aggiungere le spezie (io ho utilizzato curry, paprika e pepe nero, ma ovviamente potete utilizzare quelle che più incontrano il vostro gusto!), il vino rosso ed il tamari, assaggiando di tanto in tanto fino a raggiungere un equilibrio di gusto a me congeniale. a quel punto ho iniziato ad aggiungere la farina di lenticchie. il risultato finale dell’impasto deve essere sodo, quasi lavorabile con le mani.

a questo punto arriva la parte più noiosa… formare le salsicce. mi sono armata di cucchiaio, carta stagnola e buona pazienza. due cucchiai di impasto per ogni foglio di stagnola, che ho poi avvolto strettamente in modo da dare la forma di salsiccia.

a quel punto ho preso quattro salsicce e le ho messe in pentola a pressione per circa 15 minuti, al termine dei quali le ho “scartate” e messe in padella fino a completare la cottura.

le altre le ho messe in frigorifero: domani le proverò alla griglia durante un bbq con amici. prima della griglia sarà comunque necessaria la precottura. ovviamente è possibile conservarle anche in freezer!

gennaio 9th, 2018

Besciamella Vegan, Gluten-Free

per il cenone di capodanno ho dovuto cimentarmi nell’impresa di realizzare delle lasagne gluten-free oltre che vegan, per cui per la prima volta in vita mia ho tirato la pasta fatta in casa!  in pratica, dopo aver finito ho preferito dar fuoco alla cucina e comprarrne una nuova piuttosto che pulirla, e dopo aver installato la nuova cucina mi è venuto il dubbio: ma la besciamella vegan in commercio sarà gluten-free? boh… vabbè, ho fatto trenta e faccio trentuno: la faccio in casa!

ingredienti

  • 500 ml latte vegetale non dolcificato (io uso quello di soia)
  • 20 ml olio extravergine di oliva
  • 50 g farina di riso
  • sale qb
  • noce moscata qb

procedimento

ho salato il latte vegetale e l’ho messo in un pentolino a scaldare, portandolo quasi ad ebollizione. poco prima del punto di bollore ho quindi settato la fiamma al minimo ed ho aggiunto l’olio, mescolando. sempre con il fuoco al minimo, ho aggiunto piano piano la farina, mescolando continuamente per evitare grumi. qualche grumo, in realtà, mi è uscito… ma quando ho terminato di aggiungere la farina ho continuato a mescolare, per un po’ mantenendo il fuoco acceso sempre al minimo ed aggiungendo la noce moscata, poi anche un po’ a fuoco spento. piano piano i grumi si sono sciolti ed ho potuto farcire le lasagne gluten-free!

novembre 21st, 2017

Sformato di Fagioli Cannellini

l’idea nasce perché avevo proprio voglia di mangiare fagioli ma nessuna voglia di lunghe preparazioni o delle solite cose. è uscito uno sformatino gustoso ed incidentalmente anche Sformato di Fagioli Cannellinigluten-free!

ingredienti

  • 120 g fagioli cannellini, scolati
  • 2 patate medie
  • olio extravergine di oliva
  • farina di lenticchie, 4 cucchiai
  • scalogno, 1
  • noce moscata, qb
  • pepe, qb
  • sale, qb
  • maggiorana, qb

procedimento

prima di tutto ho sbucciato e cotto le patate al vapore. una volta pronte le ho messe nel mixer con i cannellini e lo scalogno. ho frullato il tutto aggiungendo man mano la farina di lenticchie, l’olio e tutto il resto, lasciando indietro la maggiorana.

ho steso il composto in una pirofila ricoperta di carta forno, ho spolverato di maggiorana, aggiunto un filo d’olio ancora a crudo, e messo in forno 180° per 40 minuti.

l’ho considerato un piatto unico, ma credo sia abbastanza versatile: può anche essere un ottimo stuzzichino da aperitivo se servito già tagliato in quadratini. mangiato metà appena uscito dal forno, ancora caldo, era buono… ma il giorno dopo, freddo, mi è piaciuto ancora di più!

novembre 20th, 2017

Torta alla Zucca con Glassa al Fondente

ieri pomeriggio ho cotto una zucca al forno, per potermi gustare una buona vellutata per cena. ma era troppa! che fare con tutta quella zucca? Torta alla Zucca
forse una torta?

ingredienti

  • zucca, già cotta (al forno o al vapore), 330 g
  • farina, integrale o bianca, 200 g
  • farina di riso, 100 g
  • cremor tartaro, 1 bustina
  • zucchero di canna integrale, 120 g
  • cannella, qb
  • cacao amaro in polvere, 3 cucchiai
  • latte vegetale, qb
  • olio di semi, 35 g
  • cioccolato fondente, qb
  • noci, qb
  • mandorle, qb
  • sciroppo di acero o di agave, qb

procedimento

prima le cose semplici: ho sbucciato e pulito le mandorle e le noci e ne ho fatto un trito per la decorazione. riposto da parte in un piattino, sono poi passata all’azione concreta, mettendo la zucca e lo zucchero nel robot da cucina e lasciando che il tutto si mischiasse per bene. ho poi aggiunto la farina a cucchiaiate, il cremor tartaro, la cannella ed il cacao amaro; a quel punto l’impasto iniziava ad esser troppo consistente quindi ho diluito il tutto con l’aggiunta di un po’ di latte vegetale. la quantità è molto soggettiva, soprattutto perché a seconda della consistenza della zucca l’impasto può uscire più o meno denso, per cui potrebbe anche non rendersi necessario utilizzare il latte vegetale: è a discrezione. ho poi terminato l’impasto aggiungendo l’olio di semi e lasciando che il robot da cucina impastasse ancora un po’ per avere una consistenza uniforme.

ho unto uno stampo con un po’ di olio e versato tutto, poi messo in forno a 180° per 50 minuti.

una volta cotta la torta, l’ho spennellata di sciroppo d’acero, poi ho sciolto il cioccolato fondente a bagnomaria aggiungendo latte vegetale per avere un composto relativamente liquido; ho messo anche un po’ di sciroppo d’acero per stemperare il fondente. ho poi glassato la torta con una spatola da cucina e, dulcis in fundo, ho spolverato con il trito di noci e mandorle preparato in anticipo. et voilà!

 

 

novembre 14th, 2017

Porridge di Quinoa alla Frutta

la colazione, croce e delizia!

Porridge di Quinoacroce perché la mattina non sempre ho fame, non ho quasi mai tempo di preparare qualcosa di decente, spesso sono in ritardo… ma quando si ha tempo di prepararla per bene è davvero una delizia. per cui, spesso la preparo la sera precedente, per essere sicura di non saltare il pasto e di avere già pronto qualcosa di buono.

il porridge è una delle mie colazioni invernali preferite, ma ieri ho voluto fare un piccolo esperimento a cui pensavo da tempo.

ingredienti:

  • quinoa, 35g
  • latte vegetale a piacere (io uso quello di soia arricchito con calcio), 25 ml
  • cannella in polvere, qb
  • sale, 1 pizzico
  • sciroppo di agave o di acero, 1 cucchiaio
  • frutta fresca a piacere

procedimento:

ho tenuto a bagno in acqua la quinoa per circa un’ora, poi, siccome ho una splendida vaporiera corredata di quattro bicchierini per la preparazione e la cottura di dessert o simili, ho deciso di fare questo tentativo: ho riempito ogni bicchierino con gli ingredienti della lista, ed ho cotto il tutto a vapore per 25 minuti ieri sera.

questa mattina, ho riscaldato un bicchierino a vapore per 7 minuti, poi ho aggiunto noci, lamponi e banane e devo dire che il risultato è stato estremamente soddisfacente. così ho quattro colazioni già pronte per tutta la settimana lavorativa!

ovviamente, se non disponete di una vaporiera è sufficiente mettere tutti gli ingredienti in un pentolino e portare a cottura la quinoa (20 minuti circa). la mattina si può dare una passata al microonde per gustare la colazione calda, aggiungendo frutta a piacere, ed il risultato è molto simile ad un porridge ma… con più proteine. altre idee per guarnire la quinoa una volta pronta possono essere nocciole, cacao amaro in polvere, avocado, o chips di cioccolato fondente, per tante golose variazioni!

novembre 6th, 2017

Arrosto di Seitan alle Erbe Aromatiche

diciamocelo: da quando ho scoperto il tempeh, con il seitan ho un po’ litigato. in effetti sarà più di un anno che non ne mangio, ma l’altro giornoArrosto di Seitan alle Erbe Aromatiche  ho visto in tv lo spot di un arrosto che mi ha fatto venire voglia di fare questo esperimento: il rotolone di seitan con le erbe aromatiche (del mio giardino, beninteso). una domenica piovosa ha fornito il momento perfetto per le sperimentazioni culinarie, per cui…

ingredienti

  • preparato per seitan
  • fiocchi d’avena al naturale, 30 grammi
  • brodo vegetale 350 ml
  • santoreggia
  • timo
  • semi di crescione
  • erbe aromatiche a piacere (io ho utilizzato: salvia, mentuccia, menta piperita, rosmarino, santoreggia)
  • olio evo
  • tamari
  • pepe nero macinato
  • aglio, 1 spicchio
  • spago da cucina
  • vino bianco

procedimento

ho versato nel mixer da cucina il preparato per seitan, i fiocchi d’avena, un pizzico di santoreggia e timo, e 2 cucchiaini di semi di crescione, poi ho amalgamato il tutto con l’aggiunta di brodo vegetale.

ho quindi steso il polpettone di seitan in una teglia coperta di carta da forno: ho fatto una specie di focaccia, stendendo bene e lasciando l’impasto spesso mezzo cm circa. ho rosolato le erbe in una padella con lo spicchio d’aglio, l’olio, un pizzico di pepe nero e un pochino di tamari. una volta rosolate bene le erbe, le ho “spalmate” sull’impasto del seitan con una spatola da cucina.

Arrosto di Seitan alle Erbe Aromatichea quel punto ho arrotolato la “focaccia” su se stessa, legandola poi con lo spago da cucina: ecco pronto il rotolone da infornare, ma prima l’ho avvolto nella carta da forno ed anche nella carta stagnola.

la cottura è in due fasi: 45 minuti a 180° in forno, incartato come sopra descritto, girandolo regolarmente per evitare che si cuocia troppo da un lato e zero dall’altro; poi scartato, mantenendo solo lo spago, in una pirofila con un po’ di olio e vino bianco, per altri 30 minuti per evitare che si asciughi troppo.

io l’ho servito con le classiche patate al forno (noiosina, per citare quello spot di cui parlo all’inizio :D ), ma il contorno è a discrezione.

febbraio 15th, 2017

Lasagne Vegan

l’altra sera mia madre si è prodigata a produrre quintali di lasagne per una cena al centro che frequenta, e me n’è venuta voglia. il risultato è stato decisamente promettente. ecco come ho Lasagna Veganfatto:

ingredienti

  • besciamella di soia (qui la ricetta per farla in casa, senza glutine!)
  • ragù di soia
  • lasagne di grano duro
  • noce moscata
  • olio extravergine di oliva

procedimento

ho messo a bollire una pentola d’acqua con un filo d’olio extravergine di oliva ed ho preparato un contenitore pieno di acqua fredda. ho steso un burazzo sul tavolo ed ho buttato le lasagne in acqua bollente, estraendole poi una volta quasi cotte, passandole velocemente in acqua fredda e le ho stese sul burazzo ad asciugare. una volta cotte tutte le lasagne che mi occorrevano (ovviamente dipende dalle dimensioni della teglia in cui le vorrete cuocere), ho mischiato la noce moscata alla besciamella e ne ho steso un primo strato sul fondo della teglia. ho aggiunto le lasagne, poi un altro strato di besciamella, uno di ragù e così per circa 6 strati. sull’ultimo strato di ragù ho steso un velo di lievito alimentare in scaglie.

ho infornato a 180° per 25 minuti con la teglia coperta da carta stagnola, poi per altri 25 minuti a teglia scoperta.

ho assaggiato le lasagne e per evitare di mangiarle tutte ho dovuto pulire il pavimento della cucina, in modo da non poterci più entrare! ce le gustiamo questa sera invece!

febbraio 14th, 2017

Ragù di Soia

Una variante del ragù di seitan per evitare il glutine!

ingredienti:

  • sedano, 3 coste
  • carote, 3
  • cipolla rossa, 1
  • olio extravergine di oliva
  • bocconcini di soia, 100 gr
  • sale
  • pepe nero
  • passata di pomodoro, 300g/a piacere

procedimento:

prima di tutto ho reidratato i bocconcini di soia facendoli bollire in brodo vegetale per una decina di minuti. nel frattempo, ho tagliato a tocchetti cipolla, sedano e carote ed ho messo tutto nel robot da cucina per ottenere un trito molto fine. ho fatto soffriggere con un po’ di olio extravergine di oliva in una pentola, aggiungendo sale e, contemporaneamente, sminuzzando nel robot anche i bocconcini di soia già ben scolati. in questo modo la soia ha raggiunto l’aspetto e la consistenza di un macinato di carne. l’ho aggiunta al soffritto mescolando il tutto, completando l’opera con la passata di pomodoro. ho fatto cuocere il tutto per circa 1 ora a fiamma molto bassa, mescolando regolarmente; a metà cottura ho aggiunto il pepe, e regolato il sale.

terminata la preparazione, ho lasciato raffreddare e riposto in freezer, in alcuni contenitori monoporzione, da utilizzare al bisogno.

luglio 15th, 2016

Chili con …Vegan!

un chili vegano con quel qualcosa in più.Vegan Chili

ingredienti:

  • cipolle rosse, 1 (grossa)
  • peperone rosso, 1
  • carote, 2
  • fagioli preferibilmente borlotti o neri, 150 g
  • passata di pomodoro, qb
  • curry, 1 cucchiaio
  • semi di cumino, 1 cucchiaino
  • tamari
  • brodo vegetale
  • aglio, 2 spicchi
  • straccetti di soia, 100 g
  • peperoncini (io ho usato jalapeño), 2

procedimento:

ho messo a bagno i fagioli 24 ore prima di iniziare con la preparazione.

il giorno successivo, ho scolato i fagioli e li ho bolliti in pentola. ho reidratato gli straccetti di soia facendoli bollire per qualche minuto in brodo vegetale, ho scolato e li ho strizzati, poi messi da parte; quindi ho iniziato la vera e propria preparazione con il solito soffritto a base di cipolle, con carote, peperoncino ed aglio tagliati a tocchetti. dopo un paio di minuti di rosolatura ho aggiunto il peperone, anch’esso tagliato a tocchetti, e la salsa di pomodoro a coprire il tutto, con un po’ di acqua per diluire; quindi le spezie (curry e cumino) ed il tamari. ho portato quasi a cottura. ho quindi spostato le verdure con il pomodoro in una pirofila da forno aggiungendo i fagioli cotti in precedenza, e gli straccetti di soia. ho mescolato bene il tutto e ho messo in forno a 180° per 20-30 minuti, servito con crostini e via!